YouDreamVillage - Mysterious, Fantasy...or Reality ? The Birth of Dream's Villages
 
 
MOVIMENTO 15M
L’onda anomala da Madrid
 
 
A1-Madrid 15M
In molte città della Spagna, ma non solo, si continua a discutere come continuare il sit-in nelle piazze e l’impegnativa e spontanea iniziativa che è esplosa il 15 maggio, data da cui prende il nome “Movimento 15M”. Continua la discussione nei vari quartieri e si cerca di allargare la protesta in altre piazze europee. La comunicazione avviene soprattutto via internet, con i social network. Gli iniziatori sono stati i militanti di Democracia Real Ya, ma altri spontanei e non classificati si sono aggiunti.
 
Il loro primo Manifesto inizia con queste parole:
 
Noi siamo gente comune. Noi siamo come voi: il popolo, che si alzano ogni mattina per studiare, lavorare o trovare un lavoro, persone che hanno famiglia e gli amici. Persone, che lavorano duro ogni giorno per offrire un futuro migliore per chi ci circonda. Alcuni di noi ci consideriamo progressivo, altri conservatori. Alcuni di noi sono credenti, altri no. Alcuni di noi hanno chiaramente definiti ideologie, altri sono apolitici, ma siamo tutti preoccupati e arrabbiati per le prospettive politiche, economiche e sociali che vediamo intorno a noi: la corruzione tra politici, imprenditori, banchieri, lasciandoci indifesi, senza voce. Questa situazione è diventata normale, una sofferenza quotidiana, senza speranza. Ma se uniamo le nostre forze, possiamo cambiare. E 'tempo di cambiare le cose, il tempo di costruire una società migliore insieme.”
 
A2-Madrid 15M
 PEACE REPORTER
 ha posto loro
 alcune domande.
Eccone due, con le
risposte:
 
Non c'è un leader. Una cosa che non piace ai giornalisti, soprattutto, ma questo è un riflesso del vostro metodo di fare politica, il metodo del consenso. Non ci sono leader?
No, non ci sono leader. Noi vogliamo andare in direzione contraria, lavorare tutti insieme. Lavoriamo con il metodo del consenso. Tutto quello che succede all'accampamento accade proprio grazie a questo metodo. Certo, con questa maniera di discutere procediamo più lentamente. Ma non abbiamo la fretta che hanno altri.
 
Quando presenterete le vostre rivendicazioni, quando il frutto del lavoro sarà pubblico?
Alcune sono già pronte. Quelle meno concrete hanno bisogno di un consenso e per questo si è pensato alla assemblee di barrio; secondo me in sei mesi ce la dovremmo fare.
 
 
A3-Madrid-15M
 PER ORA SONO
 8 I PUNTI
RICHIESTI DALLE ASSEMBLEE DEL MOVIMENTO 15M:
 
 
1. Eliminazione dei privilegi della classe politica a proposito di: pagamento delle tasse, anni di contributi, pensioni, stipendi
2. Lotta alla disoccupazione: miglior divisione del lavoro (riduzione della giornata lavorativa), pensionamento a 65 anni, bonus per le imprese con meno del 10% di contratti temporali, impossibilità di licenziamenti collettivi
3. Diritto alla casa: Affitti “popolari”, aiuti ai giovani e ai redditi più bassi, espropriazione degli alloggi in stock non venduti per immetterli sul mercato con affitti “popolari”, cancellazione del mutuo con la rinuncia all’alloggio
4. Servizi pubblici di qualità: soppressione delle spese inutili, garantire la ratio di alunni per classe, riduzione dei costi dell’istruzione universitaria, trasporti pubblici di qualità
5. Controllo delle entità bancarie: proibizione di ogni tipo di riscatto o iniezione di capitale (se l’entità bancaria è in difficoltà deve fallire o essere nazionalizzata per trasformarsi in banca pubblica sotto controllo sociale)
6. Fiscalità: Aumento delle tasse alle “grandi fortune” e alle entità bancarie, controllo reale ed effettivo della frode fiscale e della fuga di capitale nei paradisi fiscali.
7. Libertà cittadine e democrazia partecipativa: No al controllo di internet, abolizione della legge Sinde (download illegale), referendum obbligatori e vincolanti per questioni d’interesse generale
8. Diminuzione della spesa militare
 
 
Prossima grande chiamata è per il 19 giugno.
Lo slogan spagnolo è:
TOMA LA CALLE 19-06.11
Sugli striscioni nelle piazze  primeggia la frase:
“NO SOMOS MERCANCIA
EN MANOS DE POLITICOS Y BANQUEROS”
 
A4-Madrid 15M
Interessante
il seguente video,
 realizzato da
 un italiano
con lo pseudonimo
di
 Mikelee.
Cliccate sul link:
 
L’oratore finale nel video pronuncia questa frase:
“Quando rifletteremo su questo secolo ciò che ci sembrerà più grave non saranno le azioni dei violenti ma lo scandaloso silenzio delle ‘brave’ persone”
 
E questo è il commento di Mikelee, l’autore del video:
 
“ Il video vuole ripercorrere la storia, i valori e le radici del Movimento 15M che rappresenta a mio parere una speranza di cambio delle regole sociali. Benchè la unica e vera rivoluzione  sia quella della coscienza e del cammino dell’individuo, questi movimenti pur non arrivando a toccare le radici del problema, contribuiscono a formare un adeguato terreno utile a portare la società un gradino più su. E per questo motivo io l’appoggio!”
 
A5-Madrid 15M
 I partecipanti a questo improvviso evento sono stati chiamati “los indignados”, gli indignati.
 
Titolo del libro di Stephane Hessel, una ventina di pagine, uscito lo scorso anno in Francia divenendo nel giro di pochissimo il caso letterario del 2010.
 
Libro Indignati
Ora "Indignez-vous" (titolo originale) sta facendo il giro del mondo con altrettanto successo. Proprio da questo libro e dall'appello, già nel titolo, lanciato dal suo anziano autore (93 anni)  alle giovani generazioni, in Spagna ha preso nome il "movimento degli indignati" (indignados, noto anche come Movimento 15M).
 
Stephane Hessel (Berlino, 1917), nato in Germania ma vissuto per lo più in Francia, partecipò alla resistenza francese contro i nazisti, fu prigioniero in campo di concentramento dal quale scappò e, dopo la guerra, ha lavorato al segretariato generale dell'Onu ed è stato tra i redattori della Dichiarazione Universale dei Diritti dell'Uomo. Scrittore e poeta, con l'appello che lancia dalle sue pagine Hessel si rivolge ai giovani d'oggi, affinchè si indignino e reagiscano in "insurrezione pacifica" di fronte, nel mezzo, di un mondo travagliato da infinite ingiustizie e abusi di potere in nome di quella "civiltà dei consumi" che ormai tutto domina e coinvolge.

Ma ecco che da pochi giorni è in libreria un secondo libro ebook di Stephane Hessel, dal titolo “IMPEGNATEVI!”, in cui affronta temi come lo sviluppo sostenibile e la coscienza ecologica, la crisi e le istituzioni internazionali, il dialogo tra le generazioni.
 
*** *** ***
 
PER CONOSCERE MEGLIO IL MOVIMENTO 15M
E TENERCI IN CONTATTO?
ADERITE ALLA CITTA' DEI TALENTI
 
Andate a compilare la SCHEDA DI ADESIONE alla Città dei Talenti cliccando sul banner qui sotto, dove troverete tutte le istruzioni del caso e gli omaggi che riceverete con la semplice DONAZIONE DI 10 Euro
-Una tantum per sempre.
 
 
Generated image
 
 
 
Sito web fornito da Vistaprint
Sito web
fornito da Vistaprint